Lapponia 2012

norwegian_flag_by_magnaen-d38ocy0

VIDEO Lungo trekking (Kungsleden) nel Grande Nord. Lofoten,Kiruna,Narvik…Estate 2012 

Swedish Lapland and Lofoten. On the Kungsleden, from Abisko to Nikkaluokta. Only with tent and sleeping bag, without electricity, mobile phone network, bathrooms. Into the wild.
Then we went to Narvik by train. Wonderful railway , in the mountains, above the fjord. Ferry from Bodo to Lofoten. Islands as paradise with beautiful weather,as hell with bad weather. Finally Hurtigruten for Tromso. This was my “Great North”.

Nelle terre estreme…

La Lapponia svedese è qualcosa che è andata oltre ogni mia aspettativa. Senza enfasi, non mi aspettavo di trovare quello che poi ho trovato. Cosa che non mi era successa neanche nei deserti vulcanici islandesi. La Svezia del nord conserva una natura talmente vasta, incontaminata e primordiale, che mi ha perfino un filino spaventato. Giorni e giorni senza strade, senza villaggi, senza rete cellulare,senza elettricità, senza bagni e con scarsa possibilità di reperire cibo. Ci si lavava nei laghi e si beveva acqua di torrenti glaciali. Ci sono stati momenti in cui ho pensato di aver raggiunto il mio “point break”,il mio limite. Non nel senso della fatica, quella era sotto controllo. Ma a livello mentale intendo. Mi rendevo conto che situazioni più estreme di quelle, ad oggi, non sarei riuscite ad affrontarle. A programmarle. Pensiero che però si è subito trasformato in nostalgia, appena lasciate quelle terre. L’altra metà del viaggio è stata più convenzionale, sempre se si può ritenere convenzionale girare la Norvegia del Nord con tenda e zaino. Stiamo sempre almeno 200 km oltre il circolo polare artico. La Norvegia però è meno selvaggia della Svezia. E’ più antropomorfizzata, più abitata e più piovosa. Il confine tra mare e terra, tra acque salate e dolci,è talmente labile che spesso mi sono chiesto se il mare era alla mia destra o alla mia sinistra!
Il più delle volte era semplicemente tutto intorno a me. Le Lofoten sembrano un confino per disperati, se piove. Il paradiso terrestre, se esce il sole. Ma questa è una caratteristica comune da quelle parti.

Ho collezionato ogni tipologia di trasporti, sfido chiunque a trovare qualcosa fuori questa lista: Piedi,bicicletta,macchina,autobus,treno,traghetto,aliscafo,nave,funivia,aereo,elicottero. Non mi vengono in mente altri mezzi che non possono essere assimilati a questi effettivamente presi. Che altro aggiungere?  Che un giorno o l’altro dovrò tornarci per il Padjelantaleden,il sentiro che lambisce il temuto Sarek!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *